2015 – Comune di CARPENEDOLO (BS) – Concessione del servizio di gestione Asilo Nido Comunale

Carpenedolo-Stemma

 

QUESITI E RISPOSTE


In queste pagine saranno pubblicati i quesiti delle imprese partecipanti alla gara per la concessione del servizio di gestione dell’Asilo Nido del Comune di Carpenedolo (BS) e le relative risposte (entro tre giorni lavorativi dal ricevimento del quesito)

Pubblicato in APPALTI PUBBLICI - COMUNI
8 comments on “2015 – Comune di CARPENEDOLO (BS) – Concessione del servizio di gestione Asilo Nido Comunale
  1. Giorgio Zennaro scrive:

    QUESITO N°1

    XXXXXXX is a company based in Mumbai, India. We are interested in participating in the tender mentioned above hence want to get more information about the same.
    Considering the geographical constraint of personally reviewing the document, I request you to provide us the following details before we buy the document:
    1) List of Items, Schedule of Requirements, Scope of Work, Terms of Reference, Bill of Materials required.
    2) Soft Copy of the Tender Document through email.
    3) Names of countries that will be eligible to participate in this tender.
    4) Information about the Tendering Procedure and Guidelines
    5) Estimated Budget for this Purchase
    6) Any Extension of Bidding Deadline?
    7) Any Addendum or Pre Bid meeting Minutes?
    We will submit our offer for the same if the goods or services required fall within our purview.
    Also we would like to be informed of future tenders from your organization. Hence, we request you to add our name to your bidder’s list and do inform us about upcoming Projects, Tenders.
    We will be highly obliged if you can send us your complete & latest contact information. This will help us reaching to you faster.
    Please revert back to this same mail .

  2. Francesca Gagliandi - Optima scrive:

    QUESITO N°2

    1. Nella parte della documentazione amministrativa:
    1a. non ci è chiaro se il modello b, che viene chiesto di compilare per ogni amministratore della cooperativa, debba essere firmato digitalmente dal legale rappresentante o da ogni consigliere con firma digitale propria.

    1b. Inoltre questi modelli b devono essere zippati in una unica cartella “domanda di partecipazione” oppure possono essere file separati?

    2. Nella Parte VII – Elementi economici:
    2a. non è specificato se il costo dei pasti delle educatrici è a carico del concessionario e in questo caso a che prezzo.
    2b. Inoltre riteniamo sia importante avere già da subito anche l’indicazione del prezzo applicato alle famiglie (quantomento quale scostamento è previsto rispetto al prezzo ora applicato) poichè potrebbe influire negativamente nella scelta del servizio da parte delle famiglie stesse.

    3. Nella Parte VI – Migliorie:
    il capitolato riporta che quanto indicato in sede di gara deve essere effettivamente fornito (o deve esserne attivata la fornitura) entro lo scadere del secondo mese di servizio, prevedendo una penale di 500 euro per mancato rispetto.
    Chiediamo di specificare meglio cosa si intende per attivare:
    esempio se si prevedono attività educative particolari con i bambini, è sufficiente comunicare entro quando verranno attivate o devono essere realizzate fin da subito (cosa non pedagogicamente corretta nei primi due mesi di servizio, in fase di ambientamento)?

    4. Nella Parte III, Punto 4 – Sicurezza:
    si riporta che non è necessaria la redazione del DUVRI in quanto non ci sono interferenze.
    Come sono quindi inquadrate le ditte che realizzano manutenzioni nello stabile per conto del comune?

    • Francesca Gagliandi - Optima scrive:

      RISPOSTA

      1a. Il Modello B) è predisposto in modo che ciascun consigliere compili (e firmi digitalmente) la propria dichiarazione.
      Modificando il Modello B) in modo da includere in epigrafe i dati di tutti i consiglieri, anche il solo legale rappresentante del Concorrente può compilare (e firmare digitalmente) la dichiarazione relativa alla situazione personale degli altri consiglieri.
      E’ appena il caso di ricordare che il legale rappresentante deve però essere
      a conoscenza, in modo completo, della situazione personale di ciascun consigliere.

      1b. Sono consentite entrambe le modalità, secondo le preferenze del Concorrente.

      2a. E’ a carico del Comune, il quale provvede a pagare direttamente l’appaltatore della ristorazione, scelto con procedura separata.
      (“Il Committente farà un’unica fattura mensile al Concessionario di importo pari al costo pasto moltiplicato per il numero di pasti erogati nel mese all’utenza del nido il cui importo è da saldare al Committente entro trenta giorni.” Capitolato – Pag. 14).

      2b. Per quanto riguarda il servizio di asilo nido, il Comune si è limitato ad imporre con il capitolato (Parte VII, Art. 1, Punto 1 alle pagg. 13-14) un limite massimo all’importo delle rette, importo che viene deciso dal Concessionario.
      Quanto al costo unitario del pasto, l’importo posto a base di gara per l’affidamento (con altra procedura) dell’appalto della ristorazione è pari a 4,70 euro, al netto dell’IVA.

      3. Di norma l’attivazione delle migliorie deve avvenire entro due mesi dall’inizio del servizio.
      Tuttavia se i due mesi non fossero compatibili con la natura della miglioria proposta, il Concorrente specifica nel Progetto quali tempi (più lunghi) ritenga opportuni o necessari.
      Spetta alla commissione giudicatrice valutare la congruità dei tempi di attivazione proposti.
      In caso di incongruità, non verrà attribuito alcun punteggio alla miglioria proposta.

      4. Il Concessionario durante l’attività non ha possibilità di interferenza prevedibili con lavoratori di altre aziende coinvolte nella attività nello stabile.
      Le uniche possibilità sono per le sole forniture di materiali e/o pasti (la distribuzione viene gestita dal personale della scuola) per le quali sono previste solo attività di carico/scarico ed attività di piccole manutenzioni ordinarie e straordinarie sotto soglia per quanto definito al comma 3-bis dell’art. 26 del D. Lgs. 81/08, obbligo di DUVRI.
      Peraltro le normali manutenzioni ordinarie di impianti a carico del Comune sono eseguite obbligatoriamente fuori dagli orari dell’attività scolastica.
      Qualora il Concessionario intendesse subappaltare qualche attività a terzi, si dovrà analizzare la condizione per evidenziare la necessità di coordinamento e/o di DUVRI.
      Eventuali attività non previste o prevedibili oggi potranno essere oggetto al momento di analisi specifica per evidenziare la necessità di DUVRI e o di PSC (titolo IV D. Lgs. 81/08).

  3. Giorgio Zennaro scrive:

    QUESITO N°3

    … al fine di avere le informazione necessarie per la formulazione dell’offerta economica e progettuale… si è a richiedere le seguenti informazioni:
    – numero iscritti a.s 2014-2015 con specifica del tipo di frequenza (part-time, tempo pieno, prolungato);
    – numero preiscrizioni/iscrizioni per a.s. 2015/2016 con specifica del tipo di frequenza (part-time, tempo pieno, prolungato);
    – nel bando di gara, alla pagina 8 di 20 nel paragrafo “Parte V – raggruppamenti di imprese (RTI) e avvalimento” al primo capoverso si legge: ” i requisiti di capacità economica e finanziaria e di capacità tecnica e professionale relativi alla prestazione principale (la preparazione dei pasti) devono essere posseduti per almeno il 50% da un solo soggetto del raggruppamento/consorzio”. In relazione a quanto sopra scritto si chiede se la parte di testo contenuta tra le parentesi ovvero “la preparazione pasti” costituisce refuso o risponde alle richieste del committente.

  4. Giorgio Zennaro scrive:

    RISPOSTA

    1. numero iscritti a.s 2014-2015 (i dati si riferiscono agli iscritti di gennaio per fare una media di frequenza tra settembre ed oggi)
    – part-time n. 20 iscritti
    – tempo pieno n. 12 iscritti
    – prolungato n. 3 iscritti

    2. numero preiscrizioni/iscrizioni per a.s. 2015/2016 (i dati comprendono le preiscrizioni raccolte durante tutto l’anno e non ancora trasformate in iscrizioni e non ancora definiti i tempi)
    – part-time n. 22
    – tempo pieno n. 7
    – prolungato n. 3

    3. Confermiamo che l’espressione “la preparazione pasti” è un refuso.
    Il riferimento alla prestazione principale è da intendersi alla componente pedagogico-educativa della gestione di asili nido.

  5. Giorgio Zennaro scrive:

    QUESITO N°4

    E’ possibile che il legale rappresentante della ditta faccia firmare in originale le dichiarazioni sostitutive (mod. B) dai vari soci ecc., ne faccia una scansione complessiva e la firmi digitalmente (senza la firma digitale di ogni socio)?

  6. Giorgio Zennaro scrive:

    RISPOSTA

    Sì, è possibile perché è la copia “scansionata” – firmata digitalmente dal legale rappresentante – degli originali cartacei firmati (non digitalmente) da ciascun socio o amministratore.

    Oltre al modello B deve essere “scansionato” anche il documento d’identità dei soci o amministratori.

Lascia una risposta

Archivi