2015 – ASC Ambito 3 Brescia Est – Comuni di Flero e Poncarale (BS) – Concessione per i servizi di ristorazione comunale

Flero-StemmaPoncarale-StemmaQUESITI E RISPOSTE


 

In queste pagine saranno pubblicati i quesiti delle imprese partecipanti alla gara per la concessione per i servizi di ristorazione comunale dei Comuni di Flero e Poncarale (BS) e le relative risposte (entro tre giorni lavorativi dal ricevimento del quesito)

Pubblicato in APPALTI PUBBLICI - COMUNI
26 comments on “2015 – ASC Ambito 3 Brescia Est – Comuni di Flero e Poncarale (BS) – Concessione per i servizi di ristorazione comunale
  1. Francesca Gagliandi - Optima scrive:

    QUESITO N°1

    1. Elenco del personale attualmente impiegato con relativa qualifica, monte ore giornaliero e settimanale ed eventuali scatti di anzianità, divisi per plesso in considerazione di un eventuale subentro, in riferimento al CCNL Turismo per cui è previsto l’assorbimento da parte della ditta aggiudicataria dell’appalto del personale in forza.

    2. Attuale prezzo pasto

    3. Nome dell’attuale ditta di ristorazione

    4. A quanto ammontano eventuali spese di pubblicazione

    • Francesca Gagliandi - Optima scrive:

      RISPOSTA

      1. I dettagli relativi al personale attualmente in forza sono riportati nell’Allegato 3 – Prospetto del personale del Gestore uscente

      2. I prezzi attualmente fatturati ai Comuni dalle ditte di ristorazione sono i seguenti:
      FLERO – Scuola Comunale Paritaria dell’Infanzia dei Ciliegi – € 3,89
      FLERO – Scuola Comunale Paritaria dell’Infanzia Nascimbeni – € 3,89
      FLERO – Scuola Primaria – € 5,21
      FLERO – Scuola Secondaria di I grado – € 5,21
      FLERO – CRE Scuola dell’infanzia – € 4,10
      FLERO – Pasti a domicilio – € 4,82
      PONCARALE – Asilo Nido – Gestione in economia
      PONCARALE – Scuola dell’Infanzia Sorelle Girelli – Gestione in economia
      PONCARALE – Scuola Primaria e Scuola Secondaria di I grado – € 3,64
      PONCARALE – Pasti a domicilio – € 4,78

      3. Per il Comune di Flero, il gestore della ristorazione scolastica è Camst mentre per i pasti a domicilio è G.R.A di Bertazzoni Paolo & C s.a.s.
      Per il Comune di Poncarale, invece, è G.R.A di Bertazzoni Paolo & C s.a.s.

      4. Non sono previste spese di pubblicazione degli atti di gara.

  2. Francesca Gagliandi - Optima scrive:

    QUESITO N°2

    L’art. 3 (Retrocessione al Committente di quote delle tariffe), comma 5 del Capitole Tecnico (Allegato 1) prevede che il Concessionario retroceda al Committente la differenza tra la tariffa del pasto incassata e la quota della tariffa corrispondente alla remunerazione del concessionario per ciascun pasto erogato nel semestre.
    Si chiede se i Comuni possano prevedere l’applicazione di una tariffa anche per i pasti previsti dal calendario scolastico, ma non consumati dagli utenti iscritti al servizio in seguito ad assenze individuali registratesi nel corso del semestre.
    In caso di risposta affermativa, si chiede di precisare le modalità di retrocessione al Committente delle tariffe relative ai pasti non consumati.

    • Francesca Gagliandi - Optima scrive:

      RISPOSTA

      I Comuni hanno facoltà di definire una tariffa per i pasti previsti dal calendario scolastico non consumati dagli utenti iscritti al servizio. La tariffa corrispondente ai pasti non consumati, concepita come un indennizzo per i Comuni a fronte dei costi fissi da essi sostenuti (quali i costi per scodellamento/pulizia aule nella scuola dell’infanzia o per assistenza durante i pasti nelle scuole primaria e media inferiore), dovrà essere riscossa dal Concessionario per ciascun pasto non consumato e retrocessa al Committente nella sua totalità, essendo il bando concepito in modo da trasferire completamente il rischio di domanda dal Committente al Concessionario.

  3. Francesca Gagliandi - Optima scrive:

    QUESITO N°3

    Si chiede conferma che non ci siano da presentare le referenze bancarie per la gara in oggetto.

  4. Francesca Gagliandi - Optima scrive:

    QUESITO N°4

    A pag 7 del Bando di gara – Requisiti di capacità economica e finanziaria, e a pag 8 sempre del Bando di gara – Requisiti di capacità tecnica e professionale, si chiedono rispettivamente un fatturato dopo il 31/12/2011 in ristorazione scolastica di almeno 2.000.000€ e di aver prodotto e somministrato dopo il 31/12/2011 almeno 450.000 pasti nella ristorazione scolastica.

    Si chiede se nella ristorazione scolastica si intende ricompresa anche quella universitaria.

    • Francesca Gagliandi - Optima scrive:

      RISPOSTA

      Ai fini del possesso dei requisiti di partecipazione, la ristorazione universitaria non costituisce servizio e attività identici a quelli oggetto di concessione (ristorazione destinata, prevalentemente, alla scuola dell’infanzia e alla scuola primaria).

      Di conseguenza, la ristorazione universitaria è compresa nella ristorazione scolastica soltanto se il Concorrente è in grado di allegare la nota di assimilazione prescritta, a pena di esclusione, dagli artt. 3 e 4 della Parte IV del Bando.

      Si riportano di seguito gli articoli e i commi del Bando di gara a cui si è fatto riferimento:

      Art. 3

      2. La capacità economica e finanziaria è acquisita in servizi identici a quelli oggetto della concessione; tuttavia il Committente considera valide referenze quei servizi che – per contenuto, esigenze dell’utenza e modalità operative – siano assimilabili a quelli oggetto di concessione,purché il concorrente alleghi, a pena di esclusione, una nota (“nota di assimilazione”) in grado di esplicitare alla Commissione giudicatrice tale equivalenza.

      Art. 4
      2. La capacità tecnica e professionale è acquisita nello svolgimento di attività identiche a quelle oggetto della concessione; tuttavia il Committente considera valide referenze quelle attività che – per contenuto, esigenze dell’utenza e modalità operative – siano assimilabili a quelle oggetto di concessione, purché il concorrente alleghi, a pena di esclusione, una nota (“nota di assimilazione”) in grado di esplicitare alla Commissione giudicatrice tale equivalenza.

  5. Francesca Gagliandi - Optima scrive:

    QUESITO N°5

    Si richiedono i seguenti chiarimenti:
    1. il layout della cucina con le attrezzature
    2. Costi varie utenze
    3. A chi spetta l’ integrazione delle varie attrezzature
    4. Come viene gestite la questione degli utenti morosi e gli importi annuali delle morosità.

    • Francesca Gagliandi - Optima scrive:

      RISPOSTA

      1. Le planimetrie richieste sono disponibili al seguente link:
      https://www.dropbox.com/sh/jmpjkhwbyzjb4aq/AABPN6O-fsiuABSnAF_yvChla?dl=0

      2. Con riferimento alle utenze, l’analisi preliminare svolta per determinare il prezzo dei pasti a base d’asta, ha condotto il Committente ad una stima indicativa complessiva di circa € 0,30 al pasto.
      La stima tiene conto dei risparmi di spesa derivanti dall’apporto di energia elettrica proveniente dai pannelli fotovoltaici installati in prossimità della struttura e ad essa collegati.
      Il valore di € 0,30 è una stima indicativa e può naturalmente variare (in aumento o diminuzione) in base alle prassi che il Concessionario deciderà di adottare in funzione del modello operativo adottato.

      3. Come riportato nell’Allegato 1 – Capitolato tecnico, al comma 4 della Parte VII, con il sopralluogo obbligatorio, il Concessionario verifica la consistenza e le caratteristiche delle attrezzature e delle dotazioni presenti e provvede eventualmente ad integrarle per garantire il servizio.
      Le stesse dotazioni, allo scadere della concessione, resteranno di proprietà del Comune di Flero.

      4. La questione è disciplinata nella Parte XXIII del Capitolato tecnico (Allegato 1), segnatamente all’Art. 1 e all’Art. 3.
      Gli utenti sono considerati morosi (“in contenzioso”) solo se il Concessionario, al fine di essere rimborsato dal Committente, li mette in mora come indicato al comma 7 dell’Art. 1.
      Il rimborso al Concessionario (di norma tramite compensazione) avviene nell’ambito della retrocessione prevista ogni sei mesi dall’Art. 3 (in particolare si vedano i commi 1, 2 e 5).

  6. Francesca Gagliandi - Optima scrive:

    QUESITO N°6

    1. In riferimento alla gara, si chiede di poter ricevere:
    1.1. layout della cucina comunale
    1.2. elenco delle attrezzature e dotazioni tecniche disponibili presso la medesima cucina

    • Francesca Gagliandi - Optima scrive:

      RISPOSTA

      Le planimetrie richieste, comprendenti l’elenco delle attrezzature e delle dotazioni tecniche, sono disponibili al seguente link:
      https://www.dropbox.com/sh/jmpjkhwbyzjb4aq/AABPN6O-fsiuABSnAF_yvChla?dl=0

      Relativamente al file “Planimetria con attrezzature_colori” si segnalano le seguenti modifiche:
      – nella zona area dispensa:
      posizione 4 → cella BT
      posizione 5 → cella TN
      posizione 6 → frigorifero + congelatore
      – nelle zone preparazione piatti freddi e lavorazione carni → aggiunto, per ogni zona, un frigorifero lt. 700
      – nella zona confezionamento diete speciali:
      posizione 1 → frigorifero lt. 1500 a 2 ante

      Si ricorda, inoltre, che – come riportato all’Art.2 della Parte VIII del Bando di gara – < < Per rispettare la par condicio fra i concorrenti, alle domande verrà data risposta pubblica mediante pubblicazione del quesito (reso in forma anonima) e della risposta sui siti www.pdzbsest.it (sezione Bandi di gara) e www.inoptima.net.>>

  7. Francesca Gagliandi - Optima scrive:

    QUESITO N°7

    Si richiedono i seguenti chiarimenti:
    1. PARTE VII Specifiche del servizio – Il Centro di Cottura – Punto 4): al fine di quantificare i reintegri eventuali per garantire il servizio che il Concessionario è chiamato a rendere, chiediamo il Lay Out del Centro di Cottura comprensivo delle attrezzature e delle dotazioni disponibili attualmente esistenti.

    2. Punto 6): A quanto ammontano le utenze annuali (energia elettrica, acqua fredda e calda, gas metano) nel corso dell’ultimo a.s. a carico degli attuali concessionari del servizio?

    3. A carico di chi è la tassa sui rifiuti ? A quanto ammonta annualmente se a carico del Concessionario?

    • Francesca Gagliandi - Optima scrive:

      RISPOSTA

      1. Le planimetrie richieste, comprendenti l’elenco delle attrezzature e delle dotazioni tecniche, sono disponibili al link riportato in risposta ai quesiti precedenti (Quesiti n° 5 e n°6).

      Nel minor tempo possibile, il Committente renderà disponibile anche l’inventario delle dotazioni presenti nei plessi di distribuzione per gli eventuali reintegri che il Concessionario è tenuto ad acquistare (come riportato alla Parte II, Articolo 4, comma j.); tale aggiornamento sarà notificato e reso disponibile al link di cui al comma precedente.

      2. Poiché il Centro Cottura sarà operativo – per la prima volta – a partire da Settembre 2015, non è possibile condividere il dato richiesto perché non esiste.

      Come già definito in risposta al Quesito n°5, l’analisi preliminare svolta per determinare il prezzo dei pasti a base d’asta, ha condotto il Committente ad una stima indicativa complessiva per le utenze di circa € 0,30 a pasto.
      Tale quota comprende i costi di:
      – forniture elettriche,
      – gas,
      – acqua,
      – utenza telefonica e
      – smaltimento rifiuti speciali e non.

      3. La tassa dei rifiuti (TARI) è a carico del Concessionario ed è compresa nella quota definita al punto precedente.

      A titolo informativo, il costo annuo fissato per il 2015 è pari a € 1,22/mq a cui si devono aggiungere € 18,84 di dotazione fissa per 12 sacchi da 110 litri di rifiuto indifferenziato e €1,57 per ciascun sacco da 110 litri aggiuntivo richiesto in corso d’anno.

  8. Giorgio Zennaro scrive:

    QUESITO N°8

    Buongiorno, la presente per chiedere la possibilità di avere le planimetrie dei locali in formato dwg.

    Ringraziamo per l’ attenzione e cogliamo l’ occasione per porgere cordiali saluti

  9. Giorgio Zennaro scrive:

    QUESITO N*9

    BUONGIORNO
    IN MERITO ALLA GARA D’APPALTO PER LA REFEZIONE SCOLASTICA DI FLERO E PONCARALE PONIAMO I SEGUENTI QUESITI:

    1. Le scuole primarie dei comuni di Flero e di Poncarale mangiano su due turni( così come specificato a pag.9 del Capitolato Tecnico): come sono suddivisi i pasti tra i due turni? CHIEDIAMO INDICAZIONE DEL NUMERO DEI PASTI SUDDIVISO PER TURNI E CON INDICAZIONE DEGLI ORARI DI FRUIZIONE PER ENTRAMBI I PLESSI

    2. a pagina 24 del Capitolato tecnico parte VIII si specifica che “ i pasti per tutte le Utenze scolastiche devono essere confezionati in pluriporzione e disposti in contenitori termici…ad esclusione di quelli destinati alla Scuola Secondaria di primo grado di Poncarale” : per la scuola secondaria di Poncarale (34 pasti il lunedì ed il mercoledì) quindi si deve effettuare il confezionamento in monoporzione ?

    3. le scuole primarie e secondarie sia del comune di Flero sia del comune di Poncarale mangiano in contemporanea nello stesso refettorio (nei giorni in cui è previsto il servizio delle secondarie)? O ci sono refettori differenti? Chiediamo indicazioni in merito.

    4. Nell’elenco del personale attualmente in servizio presso il Comune di Flero sono elencati solo ASM e AS e non è menzionata la figura di un Cuoco: spetta alla ditta aggiudicataria fornire tale figura?

    • Giorgio Zennaro scrive:

      RISPOSTA

      1 – di seguito sono riepilogati i dati relativi alla Scuola Primaria di Flero in attesa di quelli relativi alla Primaria di Poncarale (vedere in fondo alla risposta).
      Lunedì
      I° turno 128
      II° turno 153
      Martedì
      I° turno 195
      II° turno 3
      Mercoledì
      I° turno 128
      II° turno 154
      Giovedì
      I° turno 195
      II° turno 3
      Venerdì
      I° turno 128
      II° turno 153
      Gli orari sono quelli indicati nell’Allegato 1 – Capitolato tecnico.

      2 – L’Allegato 1 Capitolato tecnico contiene effettivamente un refuso nella Parte VIII, comma 1 lettera a. Lo stesso punto deve essere letto secondo la seguente formulazione: “i pasti per tutte le Utenze scolastiche devono essere confezionati in pluriporzione e disposti in contenitori termici (nel rispetto di quanto previsto nella Parte IX – Specifiche del servizio – Il trasporto in legame)”. Ciò vuole dire che anche i pasti previsti per la Scuola secondaria di primo grado del Comune di Poncarale sono da prevedersi in plurirazione e da consegnarsi, come indicato nelle tabelle dello stesso Allegato 1, Parte II, Articolo 2, Punti 3 e 4, presso i locali della Scuola Primaria, in via Roma 1/A a Poncarale.

      3 – Si, mangeranno nei medesimi refettori, in spazi dedicati e negli orari indicati nell’Allegato 1, Parte II, Articolo 2.

      4 – Le figure disponibili sono quelle indicate nell’Allegato 3 – Prospetto personale uscente; nell’Allegato 1 Capitolato tecnico è più volte indicato (Parte II, Articolo 4 comma 1 e Parte III, Articolo 3) che è responsabilità dell’Organizzazione rendere disponibile il personale necessario al servizio.

  10. Giorgio Zennaro scrive:

    QUESITO N° 10

    La presente per chiedere i seguenti chiarimenti in merito alla procedura in oggetto:

    1 – Nel punto f relativo ai trasporti dell’ allegato 4 si legge che 2 punti sono assegnati in caso di motorizzazione a metano dei mezzi utilizzati . Al successivo punto i migliorie (sempre dell’ allegato 4), si legge che vengono assegnati 6 punti di cui una frazione in caso di utilizzo di mezzi elettrici (riferimento capitolato parte XXII pagina 36). Siamo dunque a richiedere come verranno assegnati effettivamente i punteggi relativi alla tipologia dei mezzi impiegati . Ad esempio , Se un concorrente volesse proporre mezzi elettrici, quanti punti verranno attribuiti in riferimento al punto f dell’allegato 4?

    2 – In riferimento al punto i migliorie (sempre dell’allegato 4), si chiede come verranno assegnati i punteggi relativi alle proposte il cui dettaglio è definito ai punti c e d del Capitolato parte XXII pagina 36 (pasti offerti per casi sociali e proposte di fornitura di pacchi alimentari). In particolare si richiede se sia sufficiente una dichiarazione di impegno da parte del concorrente alla fornitura di cui sopra oppure se la valutazione viene effettuata in modo proporzionale sui quantitativi proposti e sulla tipologia di prodotti offerti.

    3 – Rispetto al punto i migliorie dell’ allegato 4 totale 6 punti, il cui dettaglio è specificato a pagina 36 del capitolato part XXII, si richiede se ogni proposta è valutata con un massimo 0,5 punti oppure se verrà applicata una riparametrazione diversa a seconda della priorità per la Committenza.

    • Giorgio Zennaro scrive:

      RISPOSTA

      1 – L’attribuzione di punteggio, nel caso in cui un concorrente proponga quale miglioria la fornitura di mezzi a propulsione elettrica (come indicato nell’Allegato 1 Capitolato tecnico), terrà conto del fatto che la stessa proposta è considerata dal Committente, appunto, migliorativa rispetto alla fornitura di mezzi a metano (non ibridi) previsti con valore premiante al punto f2 dell’Allegato 4. Ne deriva che il concorrente, in tal caso, vedrebbe attribuirsi 0,5 punti aggiuntivi rispetto ai 2 previsti al citato punto f.2.
      Si consiglia pertanto, nel caso in cui il concorrente intenda proporre la fornitura di mezzi elettrici, di citarne la scelta già al punto “f.2″ del Progetto Organizzaivo Gestionale (Offerta tecnica), dettagliandola come si conviene solo al punto “i.1″ della stessa Offerta.

      2 – La semplificazione dell’opera della Commissione aggiudicatrice a favore della buona riuscita della partecipazione ad una gara d’appalto è ottenibile, come indicato nel Bando di gara Parte VI, Articolo 1 , Punto 2, commi 8 e 9, anche con l’esaustiva indicazione delle proposte raccolte nell’offerta tecnica. Ne consegue che il dettaglio di quantità e tipologia, sia dei pasti, sia dei pacchi alimentari è la modalità da preferire.

      3 – Ogni proposta sarà valutata con un massimo di 0,5 punti.

  11. Giorgio Zennaro scrive:

    QUESITO N° 11

    Gentile Responsabile di Riferimento,

    siamo a chiedere se la cifra relativa alla garanzia provvisoria pari a €73.000,00, indicata nel Bando di gara a pagina 18 sia corretta rispetto al valore dell’appalto indicato da Bando pari a € 3.602.150,17.

  12. Giorgio Zennaro scrive:

    QUESITO N° 12

    Con la presente si segnala che abbiamo problemi con il rilascio del PassOe poiché il Cig risulta non attivo.

    In attesa di un Vs. cortese riscontro porgo
    Cordiali saluti

Lascia una risposta

Archivi